Antibiotici per la prostatite negli uomini

antibiotici per il trattamento della prostatite

Gli antibiotici per la prostatite nel caso in cui un paziente consulti un urologo in una fase acuta di infiammazione vengono prescritti quasi immediatamente. Cioè, il medico non aspetterà i dati del test. Pertanto, nei primi giorni, viene selezionato un medicinale con un ampio spettro di azione, lo schema di selezione è molto simile quando si selezionano gli antibiotici per la cistite.

Dopo che i dati di laboratorio sono stati ricevuti dal medico, di solito occorrono da due a tre giorni, viene presa la decisione di continuare il regime terapeutico selezionato o di prescrivere un nuovo farmaco più efficace.

Nella scelta di un medicinale, un medico deve tenere conto dell'età del paziente, della presenza di alcune malattie somatiche nella sua anamnesi e delle reazioni allergiche.

Il paziente, a sua volta, deve avvertire il medico degli antibiotici che ha utilizzato in precedenza.

Se un uomo è stato trattato con qualche tipo di farmaco poche settimane prima della prostatite, è molto probabile che in questa fase non sia efficace quanto necessario per alleviare l'infiammazione.

Tra i diversi gruppi di antibiotici, ci sono i cosiddetti farmaci di "riserva", che includono farmaci con un forte effetto sull'organismo. L'urologo li prescrive solo se il precedente trattamento conservativo non ha aiutato.

La terapia antibiotica richiede determinate condizioni.

  • Gli antibiotici sono prescritti per un determinato periodo di tempo. Di solito sono almeno 2 settimane. In futuro, il medico valuta le condizioni della ghiandola prostatica e annulla il farmaco, o consiglia la continuazione del trattamento;
  • Anche il dosaggio del medicinale viene selezionato individualmente;
  • L'intero ciclo di trattamento deve essere completato. Se viene interrotto, il corpo crea condizioni adeguate per la transizione di un processo infettivo acuto in uno cronico;
  • Non dovrebbero essere necessari più di tre giorni dal momento in cui inizi a usare gli antibiotici fino alla riduzione del dolore e del disagio. Se dopo questo periodo la condizione non è migliorata, è necessario consultare nuovamente un medico per una revisione della terapia e la selezione di un altro antibiotico.

La terapia antibiotica è una delle condizioni più importanti per il completo recupero dalla prostatite batterica. Un uomo malato deve capire che la sua vita senza problemi in futuro dipende dall'adesione all'intero regime di trattamento.

Gli antibiotici per la prostatite sono selezionati dai seguenti gruppi di farmaci:

  1. Penicilline. Questo gruppo ha una vasta gamma di effetti sui batteri e quindi è più spesso prescritto proprio prima che i dati siano ottenuti dal laboratorio. Un altro vantaggio di questi farmaci è il loro prezzo economico e quindi ogni paziente può ricevere cure;
  2. Macrolidipenetrano perfettamente nei tessuti della ghiandola prostatica e iniziano a combattere l'infezione dopo la loro prima assunzione. Questo gruppo di farmaci è praticamente non tossico e non influisce sullo stato della microflora intestinale;
  3. terapia antibiotica per la prostatite
  4. Cefalosparine. Sono utilizzati principalmente negli ospedali, in quanto vengono somministrati per via intramuscolare o endovenosa;
  5. Tetracicline.Efficace per la prostatite causata dalla clamidia. Ma questi farmaci sono altamente tossici e hanno un effetto spermotossico. Pertanto, prima di pianificare il concepimento, non sono prescritti;
  6. Fluorochinoloni.Usato quando non vi è alcun effetto da farmaci di altri gruppi.

Quando si usano gli antibiotici per la prima volta, è necessario registrare tutti i cambiamenti nello stato di salute. Spesso questi farmaci causano gravi reazioni allergiche, specialmente nei pazienti con una storia di allergie.

A casa non è sempre possibile sbarazzarsi della prostatite, perché prima di prescrivere qualsiasi antibiotico, il medico deve verificare la sua reazione ai batteri riscontrati.

A causa dell'elevato numero di effetti collaterali, il trattamento deve essere effettuato sotto la supervisione di uno specialista. In caso di sintomi spiacevoli, contattare immediatamente il medico e sostituire il medicinale.

Gli antibiotici per il trattamento della prostatite, disponibili sotto forma di pillola, possono contenere diversi principi attivi. Pertanto, l'elenco di tali farmaci è abbastanza ampio e solo un medico può prescrivere quello giusto.

Fluorochinoloni

Gli antibiotici più efficaci per la prostatite, secondo gli urologi, appartengono al gruppo dei fluorochinoloni. I benefici dei fluorochinoloni nel trattamento dell'infiammazione della prostata sono:

  1. grande volume di distribuzione;
  2. creazione di alte concentrazioni della sostanza nella prostata;
  3. penetra nelle cellule;
  4. ha un effetto postantibiotico - dopo la sospensione del farmaco, una concentrazione che inibisce la crescita batterica rimane all'interno delle cellule per diversi giorni;
  5. vengono presi una volta al giorno più spesso.
fluorochinoloni per il trattamento della prostatite

Esistono diverse generazioni di questo tipo di farmaci antibatterici. La seconda, la terza e la quarta generazione sono più comunemente utilizzate nella pratica urologica.

Gli antibiotici contro la prostatite del gruppo dei fluorochinoloni di terza generazione, quarta generazione consentono il trattamento dei processi infiammatori avviati dalla microflora mista - anaerobi facoltativi, batteri gram-positivi, gram-negativi (Escherichia coli, stafilococchi, enterococchi), batteri intracellulari atipici, micoplasma.

I principi attivi dei preparati fluorochinolonici per la prostatite includono: levofloxacina, ciprofloxacina, moxifloxacina.

Gli antibiotici per la prostatite acuta negli uomini possono essere utilizzati non per un mese, ma per due settimane, se si inizia una malattia della flora condizionatamente patogena.

Di regola, i farmaci in questo gruppo sono ben tollerati dai pazienti. Gli eventi avversi più comuni sono nausea e diarrea. La fototossicità è registrata raramente.

Se è iniziata la prostatite batterica cronica, deve essere utilizzata una strategia di trattamento diversa.

I sintomi non sono così pronunciati come nel caso di un processo acuto. Il paziente lamenta dolore raro, problemi di minzione e problemi di natura sessuale.

La prostatite batterica cronica è pericolosa: per la maggior parte degli uomini, va via quasi impercettibilmente, accompagnata da dolore episodico, ma porta a infertilità, problemi di erezione, anomalie della prostata e adenoma prostatico.

Tutto questo viene alla luce all'improvviso, quando i segni evidenti di questi problemi iniziano a infastidire un uomo.

Un uomo oppresso da sensazioni spiacevoli e dolori episodici, che diventano più frequenti nel tempo, si rivolge a un urologo.

terapia antibiotica per il trattamento della prostatite

Il medico, come nella prostatite acuta, conduce gli esami necessari (esami del sangue, esami delle urine, palpazione e coltura batterica), dopo di che sviluppa un regime di trattamento.

In media, il trattamento richiede 4-8 settimane. Questo è un grave stress per il corpo, perché oltre alla microflora mirata, anche i nostri amici soffrono. Pertanto, l'assunzione di antibiotici è associata all'assunzione di farmaci che rigenerano la microflora gastrointestinale in primo luogo.

Oltre agli antibiotici, al paziente vengono prescritti fisioterapia e farmaci che alleviano il gonfiore e rilassano la muscolatura liscia della ghiandola prostatica, non bisogna dimenticare i rimedi popolari che accelerano l'effetto terapeutico nella terapia complessa.

Tetracicline

Disponibile anche in due forme di somministrazione, altamente attiva contro la clamidia e il micoplasma, quindi la loro efficacia è maggiore nelle prostatiti croniche associate a malattie a trasmissione sessuale. I farmaci ottimali sono quelli con i migliori dati di farmacocinetica e tolleranza.

Tuttavia, le tetracicline hanno un effetto distruttivo sulla flora gram-positiva, inclusa quella attiva nelle infezioni nosocomiali da stafilococco meticillino-resistente. I farmaci distruggono le forme intracellulari di clamidia, micoplasma, ureaplasma. Il vantaggio delle tetracicline è una minore frequenza di formazione della disbiosi intestinale, nonché la presenza di un effetto antinfiammatorio. In relazione all'intestino, Pseudomonas aeruginosa, sono inefficaci.

Per le infezioni da clamidia, micoplasma e ureaplasma, i farmaci vengono assunti per 3 settimane, il resto dei patogeni richiede due settimane.

I mezzi di questo gruppo non devono essere presi con l'uso simultaneo di prodotti lattiero-caseari.

Macrolidi nel trattamento della prostatite

I macrolidi (compresi gli azalidi) dovrebbero essere usati solo in determinate condizioni, poiché c'è solo una piccola quantità di ricerca scientifica che conferma la loro efficacia nella prostatite e questo gruppo di antibiotici ha poca attività contro i batteri gram-negativi.

macrolidi per il trattamento della prostatite

Ma non dovresti abbandonare completamente l'uso dei macrolidi, poiché sono piuttosto attivi contro i batteri gram-positivi e la clamidia.

Gli antibiotici macrolidi nel trattamento dell'infiammazione della prostata hanno un effetto inibitore della crescita contro i batteri intracellulari atipici, i microrganismi gram-positivi (cocchi).

Il vantaggio dei macrolidi nel trattamento dell'infiammazione della prostata è la loro bassa tossicità rispetto ai fluorochinoloni. I macrolidi creano alte concentrazioni del principio attivo nei tessuti della ghiandola, hanno un effetto postantibiotico, effetti antinfiammatori e immunomodulatori. I farmaci hanno un effetto benefico sulla fagocitosi, inibiscono lo stress ossidativo nelle cellule. I macrolidi possono essere utilizzati negli adolescenti.

Se la prostatite è causata da flora opportunistica, il trattamento può richiedere due settimane. I farmaci possono essere assunti in combinazione con fluorochinoloni.

Molti pazienti sono interessati a quali antibiotici assumere per la prostatite negli uomini, se c'è una storia di allergia alla penicillina. I mezzi del gruppo dei macrolidi non hanno un tipo di allergia incrociata con i farmaci del gruppo delle penicilline e delle cefalosporine, quindi possono essere tranquillamente assunti da chi soffre di allergie.

15.09.2020